Macari che non parlo…

Gallo sono gallo, bivacco sulla strata
Ogni nave che passa ci mando una taliata
Gallo sono gallo, lo faccio per mestiere
Per me, con tutto il cuore, la femmina è un dovere

Gallo sono gallo e canto ogni mattina
Ma canto ancora meglio se c’è una signorina
Gallo sono gallo, meglio di Valentino
Non sbaglio mai un colpo e l’occhio c’è l’ho fino

Inglesi o francesine, tatesche olantesine
Non faccio distinzione, sono tutte carine
Conosco qualche lingua, so sempre cosa dire
Macari che non parlo io mi faccio capire

Gallo sono gallo, con la nasca sempre tesa
Signora, se ha bisogno... la porto io la spesa
Gallo sono gallo e faccio cala e cchiana
E per un tocco di pane, commatto una simana

Gallo sono gallo, non faccio per parlare
Nessuno vi capisce, e io che ci sto a fare?
Gallo sono gallo, fiore di gelsomino
Mi fate umbriacare senza tuccari vino

Gallo sono gallo, guarda che portamento
Solo che, per disgrazia, l’amore è il mio tormento
Gallo sono gallo sotto il vostro balcone
Stasera m’arricampo, vi porto una canzone

Uscite per piacere, che mi sento d’accupari
Voi siete l’aria, il sale del mio triste divagare
Tra un bacio e una carezza: ah! che dolce questa brezza
Vi prego donna Assunta, comu veni appoi si cunta!

 
Indietro